Implantologia

Implantologia


implantologia_nicola_paoleschiImplantologia – Oggi più che mai l’estetica, l’efficienza, la sicurezza di sè stessi sono alla base del nostro vivere sociale, quindi sono divenuti fondamentali per un buon equilibrio relazionale con gli altri.
Tante persone, in età anche non più giovanissima, si trovano costrette a rimettersi in discussione nella vita professionale, nella vita affettiva come nelle relazioni personali.
Ed è proprio per questo motivo che nasce l’esigenza di avere un sorriso esteticamente bello, attraente, che regali sicurezza e tranquillità.
Certi pazienti vivono con difficoltà, talvolta addirittura con sofferenza, la presenza nel loro cavo orale di protesi mobili causa di instabilità nella masticazione o perfino di problematicità nel parlare.
Queste difficoltà possono far sorgere in certi soggetti handicap comportamentali. Le limitazioni che si possono soffrire nel mangiare certi tipi di cibo o altresì per l’imbarazzante evidenza della mobilità del proprio apparecchio dentale conducono le persone a declinare inviti a cena o a pranzo e quindi a ridurre i contatti sociali e/o ad isolarsi.
Per fortuna sempre più persone decidono di risolvere questo tipo di problemi scegliendo l’implantologia dentale: una tecnica rivoluzionaria per sostituire i denti mancanti e poter avere in bocca protesi fisse e salde come denti naturali.
In sostanza, l’impianto dentale si compone di una piccola vite cilindrica in titanio che viene inserita direttamente nell’osso del paziente esattamente nel punto in cui il dente naturale è mancante; funzionerà quindi da pilastro di sostegno alla corona protesica.
Il materiale di gran lunga più diffuso in questi trattamenti è il titanio in quanto non provoca nell’organismo la cosiddetta ‘reazione da corpo estraneo’ ma bensì stabilisce con l’osso naturale una connessione diretta base fondamentale dell’osteointegrazione, cioè crea un legame naturale che dà origine ad una vera e propria integrazione con il tessuto osseo.
Grazie ai progressi degli ultimi anni in fatto di inserimento degli impianti, si è arrivati ad una tale tecnica specialistica completamente indolore e atraumatica, che viene eseguita facilmente in ambulatorio con una piccola anestesia locale di pochi minuti, I pazienti potranno eseguire il loro impianto velocemente, senza dolore, in piena autonomia e tranquillità, potranno tornare a svolgere il giorno stesso la propria attività quotidiana e lavorativa.
Implantologia nicola paoleschi_4In dettaglio, a seconda del numero dei denti mancanti verranno inseriti
dall’operatore un numero congruo di impianti in modo da sorreggere con sicurezza e predicibilità per l’eventuale successiva necessità di protesi fissa.
Grazie alla presenza dei nuovi pilastri, esteticamente naturali, e soprattutto solidamente fissati la protesi permetterà una funzione masticatoria pari ad una dentatura naturale integra.
Grazie alla nostra tecnica specialistica negli impianti, tutti i nostri pazienti ritroveranno il piacere, la sicurezza, il piacere del mangiare tutto quello che desiderano con disinvoltura, ritrovando anche la gioia della socializzazione e del divertimento a tavola.

Impianti a carico immediato


Dopo qualche anno di sperimentazione, oggi è possibile utilizzare una nuova tecnica d’impianti chiamata ‘a carico immediato’. Con questa nuova tecnica si ottiene un risultato funzionale ed estetico immediato e soprattutto si ha la garanzia completa del lavoro.
Il carico immediato prevede la possibilità di inserire gli impianti dentali dentro l’osso e fissare immediatamente la protesi su di essi, cioè senza dover aspettare i tradizionali 3 mesi di riposo per l’integrazione (i 3 mesi consueti di attesa che spesso obbligano il paziente a mantenere seppur temporaneamente la protesi mobile con conseguenti disagi e inconvenienti).
Per poter adottare questa tecnica ‘rivoluzionaria’ è fondamentale la stretta collaborazione tra medico ed odontotecnico, in quanto il giorno precedente all’intervento, dovranno essere prese le impronte in modo da avere al momento opportuno la protesi fissa già disponibile. Il paziente che deciderà di utilizzare questa tecnica potrà dopo poche ore dall’intervento a dimenticare i propri disagi, a riscoprire una nuova estetica e soprattutto a percepire una nuova sicurezza del proprio sorriso.

Impianti post-estrattivi


In un’unica seduta procediamo ad estrarre gli elementi dentali malati e non curabili e inseriamo negli alveoli degli stessi gli impianti sfruttando la forma dei nuovi impianti che hanno una morfologia simile all’anatomia dei denti naturali. Con lo stesso piccolo intervento ambulatoriale, una semplice anestesia locale, possiamo eliminare il dente che crea problemi e sostituirlo con un impianto che darà grande beneficio.
Anche per questa tecnica è fondamentale una stretta collaborazione tra medico ed odontotecnico in quanto il giorno precedente all’intervento, dovranno essere prese le impronte in modo da avere al momento opportuno la protesi fissa già disponibile. Il paziente che deciderà di utilizzare questa tecnica potrà dopo poche ore dall’intervento a dimenticare i propri disagi, a riscoprire una nuova estetica e soprattutto a percepire una nuova sicurezza del proprio sorriso.

Soluzioni protesiche


Le esigenze estetiche e funzionali spingono sempre più persone a ricorrere agli impianti orali.
Oltre 5 milioni di persone hanno già scelto queste soluzioni e sostituito uno o più denti con altrettanti impianti dentali; le statistiche evidenziano un trend di crescita elevatissimo anche per i prossimi cinque anni.
La filosofia dell’utilizzo di questa tecnica è quella di ridurre il numero degli impianti: ne bastano 4-6 per riabilitare un’intera arcata, occorre solo posizionarli dove serve sfruttando l’osso che nel 95% dei casi è presente. In pazienti che hanno poco osso residuo per l’età, per motivi legati al seno mascellare, per patologie sistemiche controllate con terapia e non possono sottoporsi a terapie invasive, si creano le fondamenta nell’arcata superiore della bocca sfruttando l’osso nella sezione più frontale. Mettiamo 6 impianti e collochiamo 12 denti fissi, quindi, senza aggiungerne, senza rigenerazione, con minori impianti, minori costi, minor disagio per il paziente. Un’altra valida soluzione per i pazienti edentuli, portatori di protesi totali, è inserire 2 impianti che verranno collegati con una barra e su questa si collocherà la protesi, assolutamente ferma e poco ingombrante perché sarà possibile eliminare la resina che copre il palato.
Nella galassia delle possibili soluzioni odontoiatriche, questa tecnica di implantologia è così popolare perché vince con logica di ridurre i costi biologici ed economici, vince nella velocità della sua attuazione, vince sulla garanzia di un lavoro perfetto e duraturo.